RASSEGNA STAMPA

Presentato il nuovo manuale di tartuficoltura

Il nuovo “Manuale di tartuficoltura– Esperienze di coltivazione dei tartufi in Umbria”, scritto da Mattia Bencivenga  e Leonardo Baciarelli Falini dell’Università di Perugia, è stato presentato mercoledì 14 marzo, nella Sala Fiume di Palazzo Donini a Perugia, alla presenza dell’assessore regionale alle politiche agricole Fernanda Cecchini.
Edito dalla Regione Umbria, il Manuale è frutto delle conoscenze che il gruppo di ricerca sul tartufo del Dipartimento di Biologia Applicata dell’Università degli Studi di Perugia ha acquisito in molti anni di indagini e sperimentazioni, in particolare condotte nelle tartufaie del Programma tartufigeno regionale realizzate a partire dai primi anni ’80 quando la Regione ha dato  avvio ad una approfondita e diffusa attività sperimentale e dimostrativa finalizzata all’incremento della produzione di tartufi.
“La pubblicazione, ha affermato l’assessore Cecchini, prosegue l’impegno regionale per l’incremento della tartuficoltura che, considerate la vocazione del territorio e le esigenze di tutela e di sviluppo socio economico delle aree marginali ed abbandonate, presenta in Umbria notevoli margini di sviluppo”. Il Manuale illustra in termini pratici, per ogni specie, il percorso che il tartuficoltore deve seguire dal progetto della tartufaia alla raccolta del prodotto. Costituisce quindi uno strumento indispensabile per intraprendere attualmente la coltivazione dei tartufi su basi scientifiche e con le migliori possibilità di successo. In particolare agricoltori e tecnici vi troveranno indicazioni progettuali e colturali particolarmente valide per le diverse condizioni locali.
“L’auspicio della Regione, ha concluso l’assessore Cecchini, è che il Manuale, fornendo le necessarie indicazioni per una moderna tartuficoltura, favorisca anche il migliore utilizzo delle risorse destinate alle misure di imboschimento dei terreni agricoli ed abbandonati. Nell’ambito del programma di sviluppo rurale dell’Umbria è prevista peraltro la possibilità di realizzare impianti tartuficoli, agevolando così in aree marginali un uso del suolo produttivo e di grande valenza ambientale”. (www.regione.umbria.it)



Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com