LA BORSA DELLA SPESA

A cura di ENZA BETTELLI [asa.web@asa-press.com]


L’aglio fresco

E’ chiamato anche aglietto ed è l’aglio di primavera che ha il bulbo fresco e non ancora sviluppato o appena accennato, con il gambo verde commestibile. Ha un aroma più delicato di quello secco e si può aggiungere anche crudo alle pietanze e alle insalate.

ACQUISTO E CONSERVAZIONE
I bulbi si formano rapidamente, vanno quindi scelti con le guaine ben aderenti e non secche mentre il gambo deve essere fresco e verde.
L’aglio fresco si conserva in un luogo fresco per parecchi giorni, tenendo presente che con il passare del tempo le guaine esterne e il gambo si asciugano. Va però tenuto in un luogo asciutto per evitare che possa ammuffire perché molto ricco di umidità.

QUANTO COSTA
(Dati forniti da So.Ge.Mi. SpA, Ente Gestore dei Mercati Agroalimentari all’Ingrosso di Milano - www.mercatimilano.it). L’ingresso al Mercato all’Ingrosso di Milano in via Lombroso 54 è consentito al pubblico ogni sabato dalle ore 9.00 alle 12.00 per acquisti per un quantitativo minimo di una cassetta.

Nel 2012, nel mercato milanese sono stati commercializzati oltre 1.400 quintali di aglio fresco proveniente (in ordine di quantità) da Egitto, Veneto, Campania, Piemonte, Sicilia, Spagna.

In questi giorni è disponibile solo l’aglio prodotto in Campania e viene commercializzato a prezzi all'ingrosso compresi tra 2.00 e 2.50 euro al kg.

IN CUCINA
Prima che i bulbi siano completamente formati si può utilizzare anche la parte verde del gambo, quella più tenera vicino alla testa, da tritare o affettare come gli spicchi.
Dopo aver eventualmente eliminato la guaina esterna (dipende dal loro grado di formazione), gli spicchi si tagliano o si tritano con un coltello ben affilato per evitare di schiacciarli.
L’aglio fresco è ricco di umidità quindi il tempo di rosolatura del soffritto è più lungo rispetto quello con aglio secco.
E’ inoltre molto adatto per aromatizzare l’olio con cui si condiscono insalate, verdure cotte e salsa di pomodoro. Lavate e asciugate con cura un paio di agli freschi o sbucciate alcuni spicchi già formati, metteteli in una bottiglia a collo largo, riempite con un litro di olio extravergine d’oliva, chiudete e lasciate riposare per un paio di settimane in un luogo fresco e buio.

 

>
Vai all'indice di La Borsa della Spesa