QUALITA'

Prodotto di montagna, l'Emilia-Romagna rilancia
Rabboni, sosteniamo indicazione Ue, presto istruzioni per l'uso

Parmigiano reggiano, salumi, miele, cereali, carni e prodotti biologici, tutto dell'Appennino dell'Emilia-Romagna, e per renderli più riconoscibili la Regione promuove ora la nuova indicazione europea di qualità: 'Prodotto di montagna'.
"Sosteniamo fortemente questa novità che arriva dall'Europa - spiega l'assessore regionale all'Agricoltura, Tiberio Rabboni - perché garantisce il consumatore sulla reale provenienza di prodotti che vantano particolari caratteristiche di qualità, naturalità, tipicità, mentre ai produttori fornisce un'opportunità per essere più competitivi in un mercato che vede le zone di montagna da sempre svantaggiate per gli elevati costi di produzione. Stiamo costituendo un gruppo di lavoro che metterà a punto una serie di 'istruzioni per l'usò rivolte a tutti gli agricoltori interessati, mentre invieremo al Ministero delle politiche agricole una serie di proposte per rendere più flessibile l'applicazione del provvedimento".
La mancanza di redditività è una delle difficoltà maggiori con cui devono fare i conti gli agricoltori in montagna. Qui si sono perse dal 2000 al 2010 quasi la metà delle imprese agricole (il 46%) e il 21% della superficie coltivata. Introdotta da Bruxelles a fine 2012, l'indicazione 'Prodotto di montagna' è facoltativa e semplice: è un'autocertificazione del produttore, soggetta a verifica successiva, nell'ambito dei consueti controlli degli organismi accertatori.
In Emilia- Romagna sono 117 i comuni nelle aree definite 'svantaggiate' dal Programma regionale di sviluppo rurale, per il quale l'agricoltura di montagna è già oggi una priorità: conta il 38% circa dei 778 milioni dei fondi 2007-13 impegnati finora, e circa il 42% delle domande accolte, nonostante la superficie agricola sia appena il 26% del totale regionale e le aziende agricole siano al 24%. Per le zone di montagna, la riforma della Pac prevede anche un aiuto aggiuntivo. (www.ansa.it)


 

Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com