QUALITA'

Scandalo horsegate, sono 19 i Paesi coinvolti nella storia della lasagne con carne di cavallo. E’ allerta in Europa
I Paesi coinvolti nello scandalo della carne di cavallo chiamato ormai “horsegate”, sono 19. Nell’ultimo aggiornamento diffuso dal Sistema di allerta rapido  europeo (Rasff)  il 15 febbraio compare anche  Hong Kong.
 
La prima segnalazione datata 8 febbraio è firmata dalla Gran Bretagna.  Il report parla di sospetti di frode per la presenza di oltre il 60% di  carne di cavallo, utilizzata al posto della carne bovina, senza  dichiararne la presenza  in etichetta. I  prodotti sotto accusa sono lasagne surgelate e altri piatti pronti.
La carne di cavallo proviene dall’azienda francese Spanghero, localizzata a Castelnaudary (nella regione chiamata Aude) che l’ha venduta alla società Tavola del gruppo Comigel, specializzata nella preparazione  di lasagne e piatti pronti surgelati per decine di aziende tra cui la Findus inglese.  Comigel ha distribuito lasagne in 19 Paesi con marchi e denominazioni diverse. Secondo le autorità francesi  la vicenda coinvolge almeno 4,5 milioni di confezioni. Anche la tracciabilità della carne  risulta complessa essendo transitata  dalla Romania in Lussemburgo,  attraverso l’Olanda e Cipro come mostra il grafico realizzato dal quotidiano Le Monde.

Secondo quanto riportato dal Sistema di allerta i consumatori che hanno acquistato i prodotti sono stati avvisati dalle varie aziende attraverso messaggi in rete, mentre le confezioni in commercio sono state ritirate dai  punti vendita. Nell’elenco dei produttori troviamo decine di nomi illustri come Findus, le catene di supermercati inglesi Aldi e Tesco, e quelle francesi Carefour, Auchan, Picard…..
Per rendersi conto di quanto sia esteso lo scandalo basta riportare l’elenco dei 19 Paesi coinvolti:  Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Repubblica Ceca, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Hong Kong, Irlanda, Olanda, Norvegia, Polonia, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera e naturalmente l’Inghilterra.
L’Italia per il momento resta fuori, ma prima di dare una risposta definitiva bisogna aspettare l’esito delle analisi in corso. Sino ad ora sono stati esaminati solo due campioni. Il risultato è stato negativo, ma la campionatura è del tutto simbolica ed è ancora troppo presto per sbilanciarsi.

(Roberto La Pira - www.ilfattoalimentare.it)

 
 

 


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com