QUALITA'

Occhio all’etichetta per i prodotti bio

Il recente caso di carne equina ha riportato alla ribalta la sicurezza alimentare soprattutto dei prodotti biologici. Sono tale solo se contengono il 95% di ingredienti provenienti da culture agricole naturali di Paesi UE e che non utilizzano quantitativi elevati di agenti chimici

La normativa sulle etichette è fondamentale per tutelare i consumatori

Neanche la ‘spending review’ frena in Italia la crescita delle esportazioni e del consumo dei prodotti biologici, più cari ma non sempre o non totalmente naturali come si potrebbe pensare. Secondo le stime fornite dalla CIA (Confederazione Italiana Agricoltori), sulla base di dati ISMEA (Istituto dei Servizi per il Mercato Alimentare), nel 2011 l’incremento dei prodotti bio sulle tavole è stato di quasi il 9%, favorendo la scalata del nostro Paese sul più alto gradino del podio in tema di commercializzazione in Europa. Per migliorare la qualità dei prodotti bio, stimolare la domanda e certificare la qualità degli alimenti la Commissione UE ha aperto una consultazione pubblica on-line, attiva fino al 10 aprile prossimo, in cui dire la propria sulla normativa, misure, richieste, decisioni da adottare per il futuro.

PRODOTTI BIO – Sulla necessità di aumentare il rigore sulle norme UE per i prodotti e le bevande biologiche e di rafforzare la fiducia dei consumatori sulle proprie scelte alimentari, trova tutti d’accordo. Non sempre acquistare la qualità è così facile o scontata, complice da un lato il flusso crescente di informazioni a disposizione sui prodotti, i processi di produzione e le filiere di provenienza e dall’altro gli scandali del settore agro-alimentare che vanno dalle mozzarelle blu di qualche tempo fa fino alla recentissima carne di cavallo nelle lasagne surgelate. «Questi sono solo alcuni degli aspetti – spiega il Professor Giacinto Miggiano, Direttore del Centro Nutrizione Umana, Università Cattolica, Roma – che hanno innalzato l’attenzione verso la qualità dei prodotti, compreso quelli biologici. Da qui la decisione di rilevare con una indagine la sensibilità dei consumatori verso questi prodotti, conoscere le loro opinioni, i comportamenti alimentari e le preferenze». Oggi oltre il 53% delle famiglie italiane consuma sia prodotti naturali sia tradizionali e poco più del 2% esclusivamente cibi da agricoltura bio. «Perché un prodotto sia definito tale – continua il nutrizionista – occorre che almeno il 95% degli ingredienti provenga da culture naturali, nelle quali si faccia basso uso di prodotti chimici di sintesi, quali fertilizzanti, pesticidi, additivi e medicinali e che gli organismi geneticamente modificati (OGM) non siano entrati neppure accidentalmente nella catena alimentare biologica».

L’ETICHETTA – Fondamentale, per riconoscere i cibi bio (oggi quelli certificati dalla UE sono solo il 2%), è l'etichetta. Secondo la normativa entrata in vigore il 1 Luglio 2010, il prodotto deve avere il logo europeo che ne attesta la provenienza da uno dei paesi appartenenti alla comunità UE, e riportare le seguenti indicazioni: il nome dell'organismo di controllo autorizzato e il suo codice, preceduto dalla sigla IT; il codice dell'azienda controllata; il numero di autorizzazione (sia per i prodotti agricoli freschi che trasformati); la dicitura "Organismo di controllo autorizzato con D.M. Mi.R.A.A.F. (con numero e data) in applicazione del Reg. CEE n.2092/91”. Altrimenti è meglio diffidare.

(Francesca Morelli - www.fondazioneveronesi.it)

 

 


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com