QUALITA'

Alimenti: Cina e Turchia in vetta per vegetali respinti da controlli frontiera

La Cina e la Turchia sono in cima alla classifica dei prodotti di origine vegetale e dei materiali a contatto con gli alimenti, respinti alle frontiere italiane dai controlli degli Uffici di sanità marittima, aerea e di frontiera (Usmaf) del ministero della Salute. Nel 2012 su 119.941 partite totali arrivate in Italia, gli esperti non ne hanno ammessi sul territorio italiano 296: 177 erano alimenti e 119 materiali a contatto (ad esempio le stoviglie), soprattutto con mittente proprio i due Paesi. Tra i prodotti respinti, frutta secca e snack, frutta e vegetali, cereali e derivati e anche materiale usato per gli alimenti. A far scattare l'allarme sulla merce proveniente dalla Cina e dalla Turchia la presenza di sostanze tossiche per la salute, micotossine e residui di fitofarmaci.
"Gli Usmaf rappresentano un'eccellenza nella sicurezza alimentare e nella prevenzione. Un esempio unico al mondo e un modello individuato a livello internazionale, come spesso ha sottolineato anche l'Oms", afferma il ministro della Salute Renato Balduzzi, intervenuto oggi al dicastero alla presentazione dei dati dell'attività 2012 degli Usmaf.
Sono 12 gli uffici principali Usmaf lungo lo stivale e 37 le unità territoriali. Il personale è composto da 88 medici, 195 tecnici della prevenzione, 137 amministrativi e 43 lavoratori dedicati a servizi e informatica. Si occupano di eseguire controlli sanitari sui viaggiatori internazionali, sui mezzi di trasporto, sui lavoratori marittimi, di rilasciare i certificati per il rinnovo delle patenti e di ispezionare le merci importate e destinate a uso umano.
(www.adnkronos.com)


Aldo Palaoro - Milano Ristorazione
+39 335 6409664
ufficiostampa@milanoristorazione.it

Ufficio Stampa AIAB
+39 0645437485
ufficiostampa@aiab.it



Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com