QUALITA'

Tutela & vino: in azione a Treviso il primo “poliziotto” del Prosecco doc ...
L’agente vigilatore del Ministero delle Politiche Agricole “colpisce” illeciti nella vendita

Attenzione a non servire il Prosecco doc da una caraffa o alla spina: la segnalazione del “poliziotto” del Ministero, nominato, per la prima volta, a Treviso, potrebbe far scattare una denuncia. Tecnicamente definito “Agente vigilatore con qualifica di agente di pubblica sicurezza”, Andrea Battistella, 28 anni, laureato in scienze vitivinicole ed enologiche, è dal 2 luglio incaricato dal Ministero delle Politiche Agricole di sorvegliare il comportamento di chi adotti comportamenti non corretti nella vendita, o comunque nella gestione, del Prosecco Doc in punti vendita come bar, ristoranti, e enoteche.
Dotato di poteri di pubblica sicurezza, comprendendo con ciò anche quello di effettuare prelievi, l’agente vigilatore - primo di una serie che sarà definita in seguito - dovrà segnalare alle autorità competenti ogni indizio di illecito. Fra i quali, appunto, quello di riempire un calice di Prosecco alla spina o da una caraffa e, se da una bottiglia, senza che essa riporti l’etichetta con la dicitura “Prosecco Doc”. (www.winenews.it)


 

 


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com