LUOGHI

Cibo da strada, Palermo capitale d'Italia
Dalle panelle allo sfincione, la città entra nella top ten di Forbes

Cibo da strada: da chioschi e mercati speciali, questo termine raccoglie tutti quegli alimenti "mangiati al volo", mentre si passeggia o si fa un giro tra i vicoli del borgo.
Proprio lo street food è protagonista di una classifica, redatta da VirtualTourist e pubblicata da "Forbes".
Leggendola, si fa onore Palermo, unica città italiana, posta al quinto posto della top ten.
A convincere i giudici, golosità come pane e panelle, le frittelle nate dalla farina di ceci. O il pane ca meusa: il pane con la milza, farcito con le interiora di vitella e condito col limone. Il gelato col mughetto è stato introdotto dagli Arabi ma piace ancora oggi. Come i cannoli, gli arancini e lo sfincione. Re del periodo natalizio, è una sorta di focaccia, dove la pasta di pane viene mischiata con salsa di pomodoro, origano, sarde salate, cipolla, pecorino fresco e mollica di pane.
Nonostante tali prelibatezze, la classifica è dominata dall'Asia.
Medaglia d'oro per Bangkok, portata alla vittoria dal riso al mango, pad Thai, pollo al curro e papaia verde. Dietro, Singapore i cui mercati all'aperto armonizzano tradizioni indiani, malesi e marocchine. Terzo posto per la malese Penang. Marrakech, Marocco, ottiene il quarto posto con agnello arrosto, cous cous e kebab.
Infine, la nostra Palermo mette dietro Ho Chi Minh City, Istanbul, Mexico City, Bruxelles ed Ambergris Caye. (www.newsfood.com)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com