FATTI E PERSONE

Oltre 1/3 italiani sogna vita in campagna, 4 su 10 un orto

Indagine, agriturismo da vacanza a opportunità cambio vita

Oltre un terzo degli italiani sogna di vivere in campagna e 4 su 10 vorrebbe un orto per produrre in autonomia. E' quanto emerge da un'indagine di Agrietour - il salone nazionale dell'agriturismo in programma ad Arezzo dal 14 al 16 novembre - in collaborazione con la Fondazione Campagna Amica. A quasi 20 anni dalla prima legge quadro del 1985, insomma, l'agriturismo si è trasformato da semplice vacanza a opportunità di cambiare vita. In particolare, tra i dati dell'indagine emerge che tra i desideri nascosti degli italiani ci sarebbe proprio quello di tornare a vivere in campagna (il 32,7%) o comunque avere uno spazio rurale dove poter produrre cibo (il 31,7%). Quello di produrre in autonomia, con un orto a disposizione per esempio, è comunque il sogno di 4 italiani su 10, mentre 7 persone su 10 vorrebbero frequentare assiduamente luoghi legati al settore primario.
A questo proposito, si rileva ancora, spicca l'acquisto di prodotti alimentari nei farmer's market: il 54,5% dei consumatori lo fa abitualmente e il 48,5% si rivolge direttamente a familiari, amici o aziende ormai divenute un riferimento per la spesa. Dallo studio si ricava inoltre che se solo il 22% degli intervistati vive in campagna, il resto in città (57%) e in paesi (21%), tuttavia il 60% ha origini legate a villaggi rurali. L'indagine ha evidenziato anche il concetto di agriturismo inteso nel senso più tradizionale del termine, cioè come vacanza, scelta, sempre secondo l'indagine, da un italiano su due. A motivare questa tendenza è la vita degli ambienti rurali (67,3%), insieme al gustare i prodotti tipici di un territorio (65,3%), magari acquistandoli sul posto. Ed è anche per questo, si fa notare, che il settore dell'agriturismo oggi conta oltre 20 mila aziende (rispetto alle poco più di mille di inizio secolo), generando un giro d'affari di oltre un miliardo di euro, senza contare l'indotto turistico che anima in territori che prima erano considerati marginali. (www.ansa.it)



Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com