FATTI E PERSONE

Ismea, giugno fredda i listini agricoli (-4% in un mese; -8,7% su base annua)

L'indice Ismea dei prezzi all'origine dei prodotti agricoli si è attestato a giugno a 110,3 (base 2010=100), facendo segnare una contrazione del 4% rispetto a maggio e dell'8,7% su base annua. 

Tra le coltivazioni che, nel complesso hanno ceduto in un mese l'8,1%, si registrano forti riduzioni dei prezzi nel comparto frutticolo (-18,7% in media), in un mercato caratterizzato da un surplus di offerta per le produzioni estive rispetto alle capacità di assorbimento della domanda. In forte calo anche gli ortaggi, che hanno perso mediamente il 16% su base mensile, mentre emergono flessioni più contenute, ma comunque significative, per cereali (-4,8%), semi oleosi (-5,7%) e vini (-2,3%). In controtendenza solo i listini degli oli di oliva, rincarati del 3% rispetto a maggio.

Nel comparto zootecnico la dinamica mensile mostra una flessione dei prezzi dello 0,2%, sintesi di una riduzione dello 0,7% dei lattiero-caseari e di un apprezzamento dello 0,2% del bestiame vivo. Più in dettaglio, bovini e ovi-caprini arretrano rispettivamente dello 0,9% e del 3,8%, mentre suini e avicoli spuntano in media aumenti del 3,4% e del 2,5% (-0,3% i prezzi delle uova).

L'andamento tendenziale dell'indice Ismea rivela, quest'anno, uno scenario di forte peggioramento per le produzioni vegetali. La frutta ha ceduto in media il 23,8% su giugno 2013, con ribassi compresi tra il -5,1% delle ciliegie il -42% delle albicocche e nettarine. Ancora più accentuate le riduzioni di prezzo per le coltivazioni orticole (-26,8% in media rispetto all'anno scorso), in una fase negativa che ha coinvolto tutti i prodotti di stagione. Riduzioni a due cifre si registrano a giugno anche per vini (-16,1% tendenziale), semi oleosi (-19,8%) e cereali (-10,9), mentre aumentano dell'1,9% gli oli di oliva.

Riguardo alle produzioni zootecniche, che hanno spuntato in media uno 0,3% rispetto a giugno 2013, a sostenere i listini è stata unicamente la componente lattiero-casearia (+4,1%), mentre animali vivi e uova hanno perso rispettivamente il 2,7% e il 4,2% su giugno 2013. (www.ismea.it)

 


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com