FATTI E PERSONE

I droni diventano reporter: in arrivo velivoli su misura per giornalisti

Se siamo all'inizio di una nuova era per il giornalismo è presto per dirlo. Ma i droni-reporter daranno sicuramente un'accelerazione alla professione. Le nuove macchine volanti, che hanno trovato già diverse applicazioni in numerosi settori civili e militari, stanno per rivoluzionare anche il mestiere di chi cerca e pubblica notizie. Sono in grado, infatti, di scattare foto aeree da punti di vista inusuali o di effettuare riprese video in zone pericolose o inaccessibili. E alcune aziende italiane sono pronte a proporre sul mercato dei nuovi droni appositamente studiati per giornalisti, fotoreporter e troupe tv.
Queste soluzioni saranno presentati per la prima volta durante "Roma drone conference", il ciclo di conferenze sulle applicazioni dei droni organizzato dall'associazione ifimedia in collaborazione con mediarkè. La prima conferenza, che si svolgerà a roma il prossimo 8 ottobre, affronterà infatti il tema del "drone journalism" e sarà patrocinata dall'Ordine dei giornalisti e dall'Ente nazionale per l'aviazione civile (Enac).
Diversi i nuovi droni-reporter, tra questi, due modelli di Italdron, una società di Ravenna specializzata in questi piccoli aeromobili telecomandati. Il primo è lo "scrabble 4", un quadricottero di dimensioni contenute, con un peso massimo al decollo di 1,5 kg e un range d'azione di circa 1 km. Il secondo è il nuovissimo "high one 4hse", che Italdron commercializza in Italia da pochi mesi: è sempre un quadricottero, ha un peso al decollo di 5,5 kg e un'autonomia di volo fino a 18 minuti. Altri due progetti saranno invece presentati da Hobbyhobby, società di Roma che vanta collaborazioni con la Nasa e con l'università cinese di Shenzhen. Il primo è il "Phantom 2 edizione oro", versione modificata del noto drone quadricottero prodotto dal colosso cinese Dji, che gli ingegneri romani hanno personalizzato per le esigenze di giornalisti e fotografi. Il secondo progetto di Hobbyhobby è un quadricottero di concezione totalmente italiana: il drone, che sarà svelato per la prima volta alla conferenza di Roma, è stato studiato proprio per le attività giornalistiche, avrà un peso inferiore ai 2 kg e un'autonomia record di circa 39 minuti (contro i 13 minuti del "Phantom 2").
"Il drone journalism rappresenta davvero la prossima sfida tecnologica per il giornalismo, anche per quello italiano", ha dichiarato Luciano Castro, presidente di Roma drone, per il quale "nel prossimo futuro, piccoli droni portatili telecomandati, capaci di fornire riprese aeree ad alta risoluzione, entreranno in dotazione di troupe tv e anche di singoli inviati in zone calde". Naturalmente, "ciò rappresenterà una nuova evoluzione tecnologica per la professione giornalistica, ma porrà anche non pochi problemi etici e giuridici per quanto riguarda la privacy", riconosce Castro. (www.repubblica.it)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com