FATTI E PERSONE

Crisi: dieta mediterranea addio, nel 2014 da -5% pasta a -7% pesce

Con la crisi crolla la spesa a tavola degli italiani che nel 2014 dicono addio alla dieta mediterranea, dalla pasta (-5 per cento) all'extravergine (-4), dal pesce (-7) alla verdura fresca (-4) rispetto al 2013. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti sugli acquisti delle famiglie italiane nel primo bimestre dell'anno che aggrava il trend negativo degli acquisti in atto da anni secondo l'Ismea. I prodotti base della dieta mediterranea - sottolinea la Coldiretti - sono quelli che hanno maggiormente subito il taglio della spesa alimentare che in media è stato pari al 2 per cento e non ha risparmiato nessun prodotto della tavola. In controtendenza solo il vino, che registra un aumento della spesa del 3 per cento a fronte però di un calo nel numero di bottiglie acquistate per effetto della tendenza degli italiani a bere meno ma meglio.
  La spesa alimentare è la seconda voce del bilancio familiare dopo la casa e non stupisce che l'effetto più eclatante della riduzione del potere di acquisto sia stato proprio - sottolinea la Coldiretti - il taglio nei consumi alimentari che sono tornati indietro di oltre 33 anni sui livelli minimi del 1981 sulla base dei consumi finali delle famiglie a valori concatenati dell'Istat. A cambiare è stata anche la composizione della spesa per effetto della crisi che ha costretto le famiglie a una profonda "spending review del carrello" che potrebbe avere pesanti conseguenze anche sulla salute. Pane, pasta, pesce, frutta, verdura, extravergine e il tradizionale bicchiere di vino consumati a tavola in pasti regolari si sono dimostrati infatti - precisa la Coldiretti - un elisir di lunga vita per gli italiani: nel corso di dieci anni sono più che raddoppiati (+138 per cento) gli ultracentenari presenti in Italia che può contare su 15080 over 100 secondo l'ultimo censimento della popolazione elaborato dall'Istat nel 2011 ed oggi gli italiani sono tra i più longevi del mondo con una vita media che ha raggiunto i 79,4 anni per gli uomini e a 84,5 per le donne.
  Ma il futuro è preoccupante con gli acquisti di frutta e verdura che per esempio nel 2013 sono crollati al minimo da inizio secolo con le famiglie che sono state costrette a mettere oltre 100 chili di ortofrutta in meno nel carrello, rispetto al 2000, secondo le analisi della Coldiretti dalle quali si evidenzia un drammatico calo del 18 per cento nelle quantità consumate dalle famiglie che hanno portato sulle tavole appena 320 chili di ortofrutta nel corso del 2013. Una situazione preoccupante poiché la raccomandazione del Consiglio dell'Organizzazione Mondiale della Sanità per una dieta sana e quella di mangiare più volte al giorno frutta e verdure fresche per un totale a persona di almeno 400 grammi, ma - sostiene la Coldiretti - in Italia la quantità consumata e scesa purtroppo al di sotto, con situazioni più preoccupanti per i bambini. Il numero dei bambini e adolescenti che mangia frutta e verdura a ogni pasto è sceso al 35 per cento a fronte del 37 nel 2012, mentre quelli che la mangiano una volta al giorno sono passati al 35 per cento, contro il 39, e si registra anche un aumento di coloro che non l'assumono o lo fanno un massimo di 2 volte a settimana (31 per cento contro il 24). A cambiare - continua la Coldiretti - è in realtà anche il livello qualitativo degli alimenti acquistati con una tendenza a preferire i cibi a basso prezzo che non sempre offrono le stesse garanzie di qualità alimentare. Una conferma viene dal fatto che le vendite dei cibi low cost nei discount alimentari sono le uniche a far segnare un aumento consistente nel commercio al dettaglio in Italia con un +2,9 per cento nel bimestre 2014 secondo l'Istat. (www.agi.it) .


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com