LUOGHI

L'agricoltura biologica combatte il riscaldamento globale

I suoi terreni più capaci di assorbire la CO2 presente nell'atmosfera

Amica della Terra, nel vero senso della parola: è l'agricoltura biologica, i cui metodi permettono al terreno di assorbire CO2 riducendo il riscaldamento globale.
E' il messaggio di una ricerca dell' Istituto di ricerca per l'agricoltura biologica FiBL, diretta dal dottor Andreas Gattiker e pubblicata su "PNAS".
Gli scienziati hanno condotto un'indagine revisionale, esaminando 74 studi internazionali che comparavano coltivazioni biologiche e tradizionali, con particolare attenzione agli effetti sul terreno.
Tramite misurazione del carbonio presente nell'humus, è stata evidenziata una differenza: i terreni coltivati biologicamente presentano 3,5 tonnellate in più di depositi di carbonio rispetto ai terreni in cui si è fatto ricorso a concimi artificiali. Secondo i ricercatori, ciò è dovuto all'uso di concimi organici, uniti all'insieme di graminacee e trifogli posti nei prati. Inoltre, sempre i terreni ad agricoltura bio riescono ad assorbire fino a 450 chilogrammi in più di carbonio proveniente dall'atmosfera.
Secondo Gattiker , se tutte i terreni fossero coltivati con sistemi biologici le emissioni di CO2 si ridurrebbero: meno 23% in Europa, meno 36% negli USA. E tale calo corrisponderebbe al 13% della riduzione complessiva  dei gas serra necessaria per raggiungere gli obiettivi climatici fissati per il 2030.

(Matteo Clerici - www.newsfood.com)



Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com