EVENTI

ALL'INSEGNA DEL BIANCO
Bianco come il latte, bianco come la neve: due patrimoni della Val Brembana, da valorizzare sempre più. Nella splendida cornice del Casinò Municipale di San Pellegrino Terme/BG ha preso il via la seconda Rassegna gastronomica "La Valle dei Formaggi"

Montagne bellissime e molto varie, boschi, prati verdi: un supporto ideale per vacanze estive e invernali. Inoltre, numerosi prodotti gastronomici di pregio e anche di nicchia, tra cui quelli caseari, testimoni di una antica civiltà contadina. Borghi ricchi d'arte e di tradizioni, al punto da aver dato vita a ben sette musei, in tutta la Valle Brembana.
L'iniziativa è partita il 22 novembre 2006 - e si protrarrà fino al 1° maggio 2007 - con una conferenza stampa ottimamente organizzata da Lucia Siliprandi. Erano presenti numerosi colleghi A.S.A. Interventi di Alberto Mazzoleni, Presidente del Consorzio Vallebrembana.com, promotore dell’iniziativa, di Francesco Gheza, direttore del Consorzio Bremboski, comprensorio sciistico della Val Brembana (che racchiude le località di Foppolo, Carona e San Simone), di diversi assessori e sindaci, di produttori caseari e responsabili di consorzi, di insegnanti di ski.
Una fortunata concomitanza: lo stesso giorno della conferenza stampa sono arrivate due ottime notizie per la vallata: il via libera alla costruzione di nuovi impianti sciistici, e il finanziamento per il rilancio di San Pellegrino Terme. Tutto pronto quindi per ridare nuova linfa a questa meravigliosa valle.
Vengono presentati anche 5 itinerari naturalistici ed artistici. Portano i nomi di fiori caratteristici del Parco delle Orobie: primula, ciclamino, stella alpina, genziana e viola. I percorsi danno spazio anche alla gola: propongono 18 ristoranti e 5 botteghe del gusto dove è possibile assaggiare e acquistare i formaggi della Valle. Sono previsti inoltre pacchetti vantaggiosi per i pernottamenti negli alberghi che aderiscono all’iniziativa. La vicinanza dell'aeroporto Orio sul Serio si sta rivelando importante per l'afflusso di turisti stranieri, soprattutto gruppi familiari, con opzioni di vacanze vere e proprie oppure "assaggi" di un lungo fine settimana.
I formaggi della Valle
Branzi, formaggio a pasta semidura, prende il nome da un piccolo paese dell'Alta Valle. E' ora prodotto completamente con latte di vacca; in passato si aggiungeva anche latte di pecora o di capra. Le caratteristiche organolettiche sono simili ad altri formaggi dell'arco alpino, come il bitto valtellinese o la fontina valdostana o l'emmenthal.
Formai de Mut - il dialetto locale indica con "mut" l'alpeggio - prodotti in una zona suggestiva ma purtroppo molto isolata dal resto della regione. Il latte prodotto da vacche libere al pascolo presenta ottime caratteristiche per la caseificazione; rientra nella categoria dei formaggi a pasta semicotta. Viene lavorato nelle baite e poi, a fine estate, portato per la stagionatura a fondo valle. Il formai de mut ha ottenuto il riconoscimento D.O.C. Ha crosta sottile, compatta, di colore giallo e tende al grigio con la stagionatura. Il sapore è delicato, l'aroma fragrante caratteristico dei pascoli di montagna.
Taleggio è un formaggio D.O.P. a pasta molle ed ha preso il nome dall'omonima valle. Si produce da circa mille anni, e sin da allora il prodotto affina le proprie caratteristiche sfruttando le correnti d'aria fresca.
Strachitunt: la forma dialettale di "stracchino rotondo" Si tratta della variante artigianale di un formaggio stracchino erborinato, prodotto sin dal 1200 in Val Taleggio.
Caprini - L'allevamento di capre in Valle Brembana è sempre stato di dimensioni modeste. Queste si mandano nei pascoli più "poveri", meno accessibili. Attualmente i formaggi caprini vengono consumati completamente nella zona d'origine.
Decisamente prodotti di nicchia sono le Formagelle, l'Agrì, lo Stracchino e il Salva.
Il comprensorio sciistico della Val Brembana che racchiude le località di Foppolo, Carona e San Simone sta vivendo momenti importanti, con il rilancio del turismo alberghiero. I nuovi alberghi hanno un impatto ambientale più ridotto rispetto alle "seconde case" e un ritorno economico maggiore. L'innevamento programmato su oltre 70 km di piste per tutti i gusti e per ogni livello di preparazione garantisce una lunga stagione sciistica. Campi di prima qualità anche per i più piccoli e molti campi scuola ben visibili dalla "base", piste di discesa e da fondo e una pista di pattinaggio rendono la zona ideale per lo sport di tutta la famiglia. Lo Skipass unificato permette di usufruire di tutti gli impianti di risalita del comprensorio Foppolo, Carona e San Simone e della navetta che collega le tre stazioni. ?Le tariffe del Consorzio Bremboski prevedono l’utilizzo giornaliero degli impianti (con sconti Baby e Junior), e plurigiornalieri festivi (sabato, domenica, le festività del calendario e alcuni periodi dell’anno stabiliti dal Consorzio Bremboski), nonché abbonamenti per la stagione 2006/07 differenziati in Skipass individuale, senior e giovani, famiglie.
Testo e foto: Gino Dalla Via

Consorzio Turistico Vallebrembana
Tel. 0345 20123
www.consorziovallebrembana.com
www.lavalledeiformaggi.com
info@consorziovallebrembana.com

Consorzio Bremboski
Tel. 0345 74315
www.bremboski.eu
?info@bremboski.eu