EVENTI

Expo al centro del marketing territoriale

Expo 2015 al centro delle strategie del marketing territoriale della Lombardia, anche come occasione per valorizzare le 'eccellenze' lombarde (dalla cultura all'arte, all'enogastronomia) e per completare il complesso delle nuove infrastrutture per la mobilità. Su queste prospettive si è verificata un'ampia convergenza nella giornata di dibattito e confronto, nell'auditorium Giovanni Testori di Palazzo Lombardia, degli Stati generali del marketing territoriale, organizzati dall'Assessorato al Turismo con interventi, tra gli altri, del presidente della Regione e degli assessori al Commercio, Turismo e Servizi, alle Infrastrutture e Mobilità e allo Sport e Giovani.
 
FARE SISTEMA - "Gli Stati generali - ha spiegato l'assessore regionale al Commercio, Turismo e Servizi mettendo in rilievo una novità di metodo - sono un'occasione per un'analisi a 360 gradi sulle strategie da mettere in campo per valorizzare le eccellenze lombarde migliorando l'attrattività del nostro territorio anche in vista di Expo 2015. E' indispensabile quindi fare sistema, abbandonare i campanilismi e fare rete, collaborare, tutti insieme, pubblico e privato, per rilanciare e far scoprire le bellezze, qualche volta anche nascoste, della nostra regione".
 
EXPO 2015 - Ad oggi sono 118 (l'ultima in ordine di tempo è la Croazia) le Nazioni partecipanti all'esposizione universale del 2015. Sono previsti oltre 20 milioni di visitatori che produrranno un giro d'affari di 5 miliardi di euro. Massimo impegno da parte di Regione Lombardia per l'Expo 2015 è stato confermato dal presidente della Regione e commissario generale di Expo, il quale ha annunciato a breve un piano d'intervento unitario sui principali fattori turistici, culturali e ambientali. A partire dal mese di novembre 2013, inoltre, sarà lanciato un programma di comunicazione globale.
 
VALORIZZAZIONE DEI NAVIGLI - Nel programma riservato all'Expo 2015 rientra la valorizzazione del sistema dei Navigli e delle vie d'acqua lombarde: si tratta di un asset strategico di attrattività che, in stretta sinergia con il progetto 'Via d'acqua, parco dell'Expo', valorizzerà importanti eccellenze culturali e turistiche, dall'arte alla storia, al paesaggio, all'ambiente, alla filiera agroalimentare e alle tradizioni gastronomiche.
 
PIANO DI COMUNICAZIONE GLOBALE - Nei 18 mesi precedenti l'Expo, infine, partirà un piano di comunicazione globale, mirato in particolare a quelle aree da cui ci si aspetta il maggior numero di visitatori. "Dalla Cina abbiamo avuto la conferma - ha specificato il presidente parlando del piano della durata di quasi 550 giorni - dell'arrivo di oltre un milioni di visitatori".
 
INFRASTRUTTURE - Regione Lombardia è oggi in grado di garantire la realizzazione nei tempi programmati delle circa 60 infrastrutture avviate, per un valore di circa 20 miliardi. Pedemontana: pronta a fine 2013 la tratta A nelle province di Varese e Como, l'anno dopo pronti i primi lotti delle tangenziali dei due capoluoghi. Brebemi è al 60% della sua realizzazione ed entrerà in esercizio nei primi mesi del 2014. Anche la Tem sarà completata per l'avvio di Expo. Per quanto riguarda i treni, Trenord ha dato corso ad un piano di investimenti che garantirà 30 nuovi treni per il servizio suburbano.
 
EXPO DIFFUSA - "Il nostro impegno - ha sottolineato l'assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità - è aprire non solo Milano e il suo sito espositivo di Expo ma anche tutto il territorio lombardo al mondo. Dobbiamo perciò lavorare per preparare un 'Expo diffusa' basata sulla capacità di fare rete tra i soggetti del territorio". SISTEMI TURISTICI - Regione Lombardia, in questi anni, ha dato vita a 13 Sistemi turistici che rappresentano l'intera regione, ha avviato, tramite i Progetti interregionali, una collaborazione con le altre Regioni vicine su diversi temi e prodotti turistici, permettendo lo sviluppo di progetti innovativi da promuovere congiuntamente sui mercati internazionali. Tra questi, la promozione del lago di Garda, del fiume Po e della via Francigena ma anche i bandi per lo sviluppo della competitività delle imprese turistiche e le risorse messe a disposizione per la valorizzazione e la promozione del territorio lombardo.
 
TURISMO SPORTIVO - Un capitolo a parte merita il turismo sportivo che, con oltre dieci milioni di spostamenti, 60 milioni di posti letto occupati e un giro di affari stimato, nel 2011, di 6,3 miliardi, "si conferma - come ha ricordato l'assessore regionale allo Sport e Giovani - una risorsa importante da impiegare al meglio in vista di Expo 2015". "Il turismo sportivo - ha sottolineato l'assessore - ha il pregio di essere destagionalizzato riuscendo ad inserirsi in tutto il territorio. Il nostro obiettivo è quello di portare ad Expo 2015 una parte importante dei 6 milioni di bikers dei Paesi limitrofi, soprattutto della Germania".
(http://www.regione.lombardia.it)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com