CORSI E CONCORSI

Ecco la nuova classifica dei World's 50 Best: vincono i Roca, Massimo Bottura è terzo
Il Celler di Can Roca di Girona conquista il trono del Noma. Mentre la cucina italiana rialza la testa

Dopo due anni di purgatorio dorato al secondo posto, il Celler di Can Roca, tristellata insegna catalana di Girona, si scambia il trono con il danese Noma e conquista il primo posto dell'undicesima edizione della World's 50 Best Restaurants, la classifica sponsorizzata da S.Pellegrino e Acqua Panna che premia i migliori ristoranti del mondo, accende polemiche e, soprattutto, muove milioni di prenotazioni. Dalla serata di gala londinese – la premiazione si è tenuta ieri sera nella sala quattrocentesca del Guildhall, l'ex municipio della City – escono pochi stravolgimenti (un po' un gioco della poltrona tra soliti noti) ma una grande notizia per l'Italia: Massimo Bottura, chef tre stelle Michelin dell'Osteria Francescana di Modena, scala due posizioni e raggiunge il podio al terzo posto, appena dietro l'ex numero uno René Redzepi.
Per il supercreativo talento emiliano si tratta di un meritato riconoscimento alla sua cucina contemporanea, sintesi perfetta di tradizione e modernità, di territorio e suggestioni artistiche.
Dopo il quasi flop dello scorso anno (erano tre i cuochi in classifica) la cucina tricolore rialza la testa. Oltre al già annunciato premio Veuve Cliquot World's Best Female Chef 2013 ritirato sul palco da Nadia Santini del ristorante Dal Pescatore, sono quattro in tutto gli italiani tra i magnifici cinquanta. Rientra alla 40ma posizione Davide Scabin e il suo Combal.Zero di Rivoli. Un gradino sotto, al debutto assoluto, c'è Enrico Crippa di Piazza Duomo di Alba. Due nomi piemontesi più il veneto (Sarmeola di Rubano) Le Calandre di Massimiliano Alajmo, che sale di 5 posizioni e si piazza al 27mo posto.
Fuori dai 50 ci sono Dal Pescatore (74°) e Cracco (82°). Un quadro più che rassicurante per la nostra cucina che però non rappresenta come invece meriterebbe – nota dolente - il Centro-Sud. Torniamo al cambio al vertice: all'algida Nordic Cuisine di Redzepi, gli oltre 900 opinion leader che compongono la giuria internazionale hanno preferito la cucina "emozionale" dei tre fratelli Roca. Joan ai fornelli, Jordi maestro pasticciere, Josep sommelier e direttore di sala: una squadra perfetta, una bellissima saga familiare.
Tra i 29 europei in totale sono 5 i ristoranti spagnoli, tra cui Mugaritz al quarto posto, e 6 i ristoranti francesi, primo dei quali L'Arpège di Alain Passard, solo al 16mo posto. Piccola consolazione: al maestro Alain Ducasse è stato conferito il premio alla carriera Lifetime Achievement Award.
A completare la top ten sono il newyorchese Eleven Madison Park (in totale 6 gli statunitensi tra i 50), il paulista D.O.M. di un deluso Alex Atala, il londinese Dinner di Heston Blumenthal, il basco Arzak e (uniche sorprese) l'austriaco Steirereck e il tedesco Vendôme al 9° e 10° posto. Scorrendo le altre posizioni, ecco alla 14ma (+21 dallo scorso anno e premio "Highest Climber") Astrid y Gastón di Lima, alla 20ma Narisawa di Tokio (premio Acqua Panna Best Restaurant in Asia), alla 21ma Attica di Melbourne ("Highest New Entry") e alla 38ma Andre di Singapore. Un Far East in forte ascesa con sette ristoranti, soprattutto dopo la prima e strategica edizione degli Asia's 50 Best Restaurants Awards. Non è un caso. Un'economia in salute vuol dire (anche) una gastronomia di livello. Gli ingredienti: coraggio, investimenti e tutela. Quelli che merita anche l'alta cucina italiana.
www.theworlds50best.com/list/1-50-winners
(di Federico De Cesare Viola - www.luxury24.ilsole24ore.com)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pių
Torna all'indice di ASA-Press.com